mercoledì 23 aprile 2014

CHI VA IN CERCA DI GUAI PRIMA O POI LI TROVA.





Sono diversi i comuni in Italia che negli ultimi anni hanno  avuto problemi con la 167, corrispettivi onerosi per il passaggio dal diritto di superficie al diritto di proprietà, ricorsi in tribunale,ecc. Cara Terra Mia dal novembre 2011 ha sollevato il problema, denunciando gravi disparità di trattamento economico fra i cittadini. La giunta Alparone Bogani, si  e' sempre mostrata sorda alle proposte del comitato ed ha continuato ad inviare le proposte, fino alla grande sconfitta dell'ultimo invio su 98 proposte vi sono state solo due adesioni.

E invece di arrivare ad un confronto con i cittadini,  con gran fretta prendono la palla al balzo inviano ai condomini delle lettere in qui applicano alla precedente proposta uno sconto mediamente del 43/45% e questo ad un mese dalle elezioni amministrative ovviamente senza fornire nessuna informazione. 

E come sempre lo fa CARA TERRA MIA.

Le lettere che state ricevendo cari condomini 167 è un modo maldestro e del tutto elettorale per recuperare voti, e ancora una volta per creare problemi sui problemi.


Rimane imprescindibile  che i prezzi di partenza debbano essere equi e correttamente calcolati”.

Attenzione cari condomini è quello che non c'è nella proposta Alparone e Bogani, il valore considerato per determinare il corrispettivo è 
fuori mercato.

E cosa avranno il coraggio di dire  i signori ALPARONE e BOGANI ai Condomini  che hanno pagato, che restituiranno i soldi ? Ma questo lo dovrebbero fare i comuni in tutta Italia, oppure che la legge è retroattiva ?



Ed ecco da dove arriva il 50%. 


PEEP "Piano per l'Edilizia Economico Popolare"

Aree Peep, approvato ordine del giorno alla Camera
16 ottobre 2013 - Approvato questa mattina alla Camera l’ordine del giorno firmato dal deputato PD riminese Emma Petitti insieme al collega toscano Luca Sani sui parametri di riscatto della proprietà nelle aree Peep. Il provvedimento è stato recepito dal Governo e lo impegna a definire nuovi e uniformi parametri per la cessione del diritto di proprietà nelle aree Peep ai cittadini che vogliano riscattare la propria abitazione.
“Dopo l'approvazione dell'odg da parte del Governo, che manifesta così la sua apertura sulla questione, il prossimo passo è insistere per inserire le modifiche auspicate nella Legge di stabilita – spiega Petitti - . Ricordo che non solo le differenziazioni dei corrispettivi, oltre a generare gravi disparità di trattamento economico fra i cittadini (oltre a ricorsi nei tribunali competenti), stanno di fatto bloccando e rallentando numerose pratiche di cessione, ma anche che questa situazione di incertezza sta creando un mancato introito per alcune amministrazioni comunali, già colpite dalle recenti e ingenti riduzioni dei trasferimenti da parte dello Stato”.
La parlamentare sottolinea inoltre come in alcuni pronunciamenti delle sezioni regionali di controllo della Corte dei Conti “emergano sia la necessità di agevolare l'adesione dei cittadini all'operazione di 'riscatto', cercando di contenere il prezzo da pagare ai comuni, sia la necessità di rispettare un'esigenza di equità, evitando disparità di trattamento tra i cittadini che già hanno proceduto al riscatto quelli che intendono farlo in futuro, cercando di garantire nel tempo uniformità nella determinazione del prezzo”.
Petitti conclude auspicando che, anche in relazione alla crisi economica ed occupazionale che sta investendo il nostro paese e per promuovere il diritto all'abitazione, “si arrivi ad una definizione di criteri uniformi, su tutto il territorio nazionale, che possa agevolare l'acquisto degli alloggi nelle aree comprese nei Peep, risolvendo il problema delle domande che ad oggi risultano bloccate ed impedendo di fatto alle singole amministrazioni comunali interpretazioni difformi della norma”.

Riscatto aree Peep, pronto l'emendamento alla Legge di stabilità
8 novembre 2013 - Dopo l'approvazione dell'ordine del giorno alla Camera a metà ottobre, è pronto ora per essere discusso al Senato l'emendamento alla Legge di stabilità presentato dal deputato PD riminese Emma Petitti sui parametri di riscatto della proprietà nelle aree Peep.
"L'ordine del giorno recepito dal Governo nelle scorse settimane lo impegnava a definire nuovi e uniformi parametri per la cessione del diritto di proprietà ai cittadini che vogliano riscattare la propria abitazione nelle aree Peep. Ora il nostro lavoro va avanti per inserire nella Legge di stabilità, che ha iniziato il suo iter in Senato e arriverà poi alla Camera, le modifiche necessarie per rideterminare i criteri che definiscono il corrispettivo per riscattare la proprietà. Il problema dell'onerosità delle cifre che molti cittadini dovrebbero pagare per il diritto di superficie delle aree Peep e della disparità di trattamento economico fra i residenti pone una questione di equità che da tempo e da più parti viene sollevata, anche dal Comune e dal Consiglio di Rimini. La situazione di incertezza sta bloccando e rallentando numerose pratiche di cessione, nonché creando un mancato introito per le amministrazioni comunali già colpite da tagli e riduzioni dei trasferimenti da parte dello Stato".
L'emendamento proposto mira in particolare a dirimere le controversie e definire in modo chiaro il metodo di calcolo del corrispettivo da pagare all’amministrazione comunale per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di piena proprietà sulle aree Peep. Il testo prevede che il corrispettivo delle aree cedute in proprietà venga fissato al 60 per cento del valore determinato dividendo per due il valore venale del bene. Si ripristinano così le condizioni di riscatto applicate in tutta Italia fino all'aprile 2011, data in cui la Corte Costituzionale è intervenuta sulla materia creando di fatto una disparità di trattamento tra i cittadini che fino a quel punto avevano riscattato il loro alloggio e quelli che si trovano nelle condizioni di poterlo fare successivamente.
"L'emendamento modifica i parametri in base ai quali si determinano i costi di riscatto e promuove un’applicazione agevolata uniforme ed indifferenziata nelle diverse realtà territoriali - conclude la parlamentare -, consentendo così l’acquisto in piena proprietà delle aree da parte dei titolari di diritto di superficie, riducendo i costi ed eliminando le disparità di trattamento economico fra i cittadini”

Riscatto aree Peep. 
Approvato emendamento a legge di stabilità
La Commissione Bilancio della Camera ha approvato l'emendamento alla Legge di stabilità sui parametri di trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà per le aree Peep con la possibilità da parte dei comuni di abbattere il prezzo del 50%.

Il comitato V Peep esprime la sua soddisfazione vedendo nel provvedimento anche il frutto del dialogo con le istituzioni locali.


“Rimane imprescindibile – spiega la portavoce del Comitato Martignoli - che i prezzi di partenza debbano essere equi e correttamente calcolati”.


Della questione si è occupata in prima persona la parlamentare del PD Emma Petitti: "Grazie al lavoro svolto in collaborazione con i colleghi parlamentari, e in particolare con il collega toscano Luca Sani, accompagnati nel percorso anche dal locale Comitato V Peep, dalla giunta del Comune di Rimini e dal fondamentale contributo dell'Anci, arriva finalmente ad una soluzione il problema dell'onerosità delle cifre che molti cittadini dovrebbero pagare per il diritto di superficie delle aree Peep. Una questione di equità che da tempo e da più parti in vari comuni d'Italia era stata sollevata, non ultimo anche dal Consiglio comunale di Rimini. Con l'emendamento si risolvono la disparità di trattamento economico fra i residenti e una situazione di incertezza che stava non solo bloccando e rallentando numerose pratiche di cessione in tutto il Paese, ma anche creando un mancato introito per le amministrazioni comunali già colpite da tagli e riduzioni dei trasferimenti da parte dello Stato.

In considerazione del fatto che le risorse derivanti dalle operazioni di trasformazione consentite dalla norma sono di competenza dei Comuni
- specifica la Petitti - e in onore al principio di responsabilità locale insito nel progressivo processo di federalismo, il provvedimento introduce per i Comuni stessi la facoltà di determinare eventuali riduzioni fino al 50% del valore venale del bene. In particolare si sostiene l’agevolazione all’adesione all’operazione di riscatto da parte di cittadini titolari di diritto di superficie di case Peep".


Fiducia viene espressa anche dal capogruppo del Pd in consiglio comunale Agosta che parla di un buon risultato frutto dell'impegno messo in campo dall'amministrazione che ha interessato del problema i parlamentari locali.

“Il lavoro di squadra ha permesso che da Rimini si sollevasse una questione che riguarda migliaia di cittadini in tutta Italia e centinaia di Comuni. Ora siamo ad un passo dalla soluzione”.

Roma, 17 dic. I Comuni potranno abbattere del 50 per cento il valore venale degli appartamenti in aree Peep oggetto di riscatto. E' stato approvato, infatti, dalla Commissione bilancio della Camera l’emendamento alla legge di Stabilità che modifica i criteri per il riscatto del diritto di superficie nelle Aree Peep. L’emendamento, presentato dal relatore Maino Marchi, è ispirato all’ordine del giorno degli onorevoli Luca Sani ed Emma Petitti approvato dall’aula di Montecitorio lo scorso 16 ottobre.
“Grazie al recepimento dell’emendamento – spiegano Sani e Petitti a Il Ghirlandaio - gli enti locali intenzionati a concedere agli assegnatari di appartamenti in aree Peep il riscatto del diritto di superficie, potranno abbattere fino al 50 per cento il 'valore venale' (ovvero: commerciale o corrente, ndr.) delle abitazioni oggetto di riscatto”. Quello del valore venale è il parametro più significativo fra quelli introdotti dalla legge 244/97, utilizzati dai Comuni nel determinare il corrispettivo da versare per ottenere il riscatto del diritto di superficie, e quindi la piena proprietà senza vincoli giuridici da parte degli assegnatari.
“Questa soluzione – aggiunge Sani – contribuisce a dare una soluzione più equa al problema più volte verificatosi della difforme definizione del corrispettivo di riscatto delle aree Peep da parte dei Comuni, che a sua volta, come è successo in molte città, ha generato proteste e contenziosi”.

La determinazione del valore venale viene effettuata sulla base del valore reale e del valore di rendimento, tenendo conto delle caratteristiche regionali e della situazione sul mercato degli immobili.

BASTA E AVANZA PER DIRE CHE IL CORRISPETTIVO FINALE DEVE ESSERE MOLTO PIU' BASSO

A presto CARA TERRA MIA

Il 69° Anniversario della Liberazione a Paderno Dugnano



A presto Cara Terra Mia

martedì 22 aprile 2014

Creare un futuro sostenibile

Giornata Mondiale della Terra 2014: trasformare le città per creare un futuro sostenibile



Oggi, 22 aprile, si celebra la Giornata Mondiale della Terra (in inglese Earth Day), la più grande manifestazione ambientale del pianeta, l’unico momento in cui tutti i cittadini del mondo si uniscono per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia.
 Quest'anno dedicata alle città 'verdi'. Rendere più sostenibili le metropoli che accolgono ormai oltre la metà della popolazione mondiale è l'obiettivo della manifestazione nata 44 anni fa e che si celebra martedì 22 aprile in 175 Paesi.
Edifici, energia e trasporti sono, secondo gli organizzatori della manifestazione, i principali obiettivi delle azioni necessarie per accelerare il passaggio verso città più sostenibili e rispettose dell'ambiente. Per quanto riguarda l'energia, per esempio, le organizzazioni ambientaliste puntano l'indice contro impianti inefficienti e ritengono indispensabile il passaggio a strutture di nuova generazione, basate su energie rinnovabili.
Gli edifici 'verdi' sono l'altro grande obiettivo per le città del futuro. Le costruzioni attuali vanno infatti ripensate, rilevano gli organizzatori, poiché sono responsabili di circa un terzo delle emissioni di gasserra. Innovare radicalmente i trasporti, poi, è cruciale: sono la fonte di gas serra in più rapido aumento.Puntare sul trasporto pubblico e promuovere l'uso della bicicletta sono alcune delle proposte.

A presto CARA TERRA MIA

domenica 20 aprile 2014

CALMA E GES

E' cosi che si dice dalle nostre parti.



Oggi è pasqua e si festeggia, da settimana prossima inizieremo a distribuire i volantini, che ci informano su cosa non va nella proposta che Alparone e Bogani stanno inviando di gran fretta ai condomini 167. Abbiamo già rilevato una serie di problemi ed  è sconvolgente di come e con quale facilità riescano a mettersi nei guai. Be adesso fermiamoci qui, 
Auguri a tutti per pasqua e pasquetta.



Non disprezzate le sorprese dell’uovo di Pasqua, a spaccare la testa a certe persone si scoprirebbe che dentro non c’è neppure un portachiavi.



A presto CARA TERRA MIA.

venerdì 18 aprile 2014

Recapitate “proposte” di trasformazione del diritto di superficie dal forte sapore di volantino elettorale della destra Alparone – Bogani, ma pagato dai cittadini di Paderno Dugnano


come qualcuno vorrebbe i cittadini/condomini 167 di Paderno Dugnano

CONFERMA

Dopo poche ora la conferma. Puntuale come un orologio svizzero l’Amministrazione Alparone – Bogani ha consegnato le proposte pre-elettorali “scontate” per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà ad alcuni condomini 167 padernesi.

Diversi i condomini 167 che hanno già ricevuto l’ennesima presa in giro.

A Calderara in Via Chopin, Via Novella e Via Riboldi.
A Paderno in via Rosselli e in Via Generale Dalla Chiesa.

Attendiamo conferme dagli amici di Palazzolo, Cassina Amata, e Villaggio Ambrosiano.

Con lo “sconto elettorale” è venuto meno il supporto nella redazione dell’atto dell’apporto del Segretario comunale, con la facoltà del singolo condomino, di “sciegliere un Notaio di fiducia (per chi ne conosce uno).

In pratica ci viene data l’opportunità di farci spennare da un notaio, senza nessuna convenzione e agevolazione, sbandierate in passato. Ricordiamo le parole di qualche politicante nel 2010.

Nessuna scadenza fissata prima delle elezioni amministrative del 25 maggio, ma solo un inutile termine arbitrariamente stabilito nell’aprile 2015.
Dopo ben un anno dall’insediamento della nuova amministrazione, che non potrà, prima di quella data, non modificare gli irricevibili criteri ancora oggi in vigore.

Le case non hanno un valore minimo al metro quadrato di 1.912 euro (stima Forza Italia, Lega Nord & alleati), ma questo deve essere ricompreso da 1.200 euro ad un massimo di 1.500 euro.

Non è una valutazione di Cara Terra Mia
ma dell’Agenzia delle entrate

Monta l’indignazione tra i condomini 167 di Paderno Dugnano, qualcuno ha detto che “stanno facendo un casino indescrivibile perché siamo sotto campagna elettorale e la confusione insieme alla fame d'aria li porta a dare numeri anomali”.

Aggiungeremmo, oltre alla confusione, anche il nervosismo manifestato nelle ultime sedute di Commissione Territorio e di Consiglio Comunale.

da non cascarci.

i prezzi sono ulteriormente inferiori


giovedì 17 aprile 2014

Arrivano le elezioni e naturalmente arrivano anche le proposte “scontate” ai condomini 167

I recenti incassi per la trasformazione del diritto di superficie

AVVISO

Giunge notizia che l’Amministrazione Alparone – Bogani ha cominciato a consegnare le proposte pre-elettorali per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà in alcuni condomini 167 padernesi.

La riduzione, figlia unicamente dell’applicazione della modifica in vigore dal 1° gennaio di quest’anno del comma 48, articolo 31 della legge 448 del 1998 (comunque tutta da verificare la corretta applicazione), non tiene conto del reale valore delle abitazioni economiche e popolari della periferia padernese.

Ricordiamo che per l’’Agenzia delle entrate il valore a metro quadrato può variare da un minimo di 1.200 euro ad un massimo di 1.500, mentre per la nervosa destra, maggioranza fino al 25 maggio, le case di edilizia convenzionata hanno un valore minimo di 1.912 euro.

Anche tralasciando il fondamentale aspetto sociale, non è difficile capire quale il valore reale di mercato.

Invitiamo i condomini 167 di tutte le cooperative interessate a dare comunicazione via mail dell’arrivo delle “proposte” revisionate.


A breve ulteriori comunicazioni.